Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per usufruire dei servizi social. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.
     
         





L'Istituto Comprensivo

pollina (1).jpg

L’Istituto Comprensivo POLLINA-SAN MAURO CASTELVERDE opera all’interno di un territorio che ricade nel Parco delle Madonie. Comprende tre centri abitati, Pollina, Finale e San Mauro Castelverde, dotati di tutti gli ordini di scuola: Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado. Non vi sono, invece, Istituti di Istruzione secondaria di II grado statali. L’Istituto è “Comprensivo” dal 1995, ma dall’anno scolastico 2012/2013, in seguito alla Legge sulla Razionalizzazione degli Istituti scolastici è stato annesso l’I.C. di San Mauro Castelverde, per cui oggi comprende: due plessi a Finale (dell’Infanzia; Primaria e Secondaria di I grado); due plessi a Pollina (dell’Infanzia e Primaria; Secondaria di I grado) e due a San Mauro Castelverde (dell’Infanzia e Secondaria di I grado; Primaria). La sede centrale è situata nella Scuola Secondaria di I grado di Finale che ospita la Presidenza e gli uffici di Segreteria.

san mauro c.de (1).jpg


Far parte di un Istituto Comprensivo comporta un impegno da parte dei docenti, chiamati a realizzare una nuova e più cooperativa organizzazione didattica ed una effettiva continuità educativa. Nel percorso curricolare unitario dell’Istituto Comprensivo, infatti, si realizza l’autonomia didattica, organizzativa e di ricerca, di sperimentazione e sviluppo delle scuole, in un rapporto più stretto con la comunità e le istituzioni del territorio in cui opera.
Il sistema in cui è organizzato l’Istituto Comprensivo offre opportunità di miglioramento del servizio, infatti:
   - facilita il dialogo diretto e la collaborazione fra genitori, Dirigente scolastico, docenti, rappresentanti degli Organi Collegiali;
   - consente di organizzare le attività didattico-educative in modo funzionale e unitario fra scuola dell’infanzia, scuola primaria e scuola secondaria di primo grado e permette, inoltre, di
    rispondere meglio ai bisogni formativi degli alunni, della comunità e del territorio;
   - consente di coordinare gli orari e di utilizzare meglio locali, servizi e attrezzature delle scuole presenti sul territorio;
   - dà la possibilità di realizzare la continuità educativa, contrastando il disagio scolastico, promuovendo la realizzazione e l’orientamento di ogni alunno;
   - cerca di ridurre fratture, ripetitività e dispersioni nel percorso formativo con l’attuazione di curricoli continui concordati con i tre ordini di scuola.

finale(1).jpg


Le opportunità educative e didattiche nonché i presupposti culturali, formativi e organizzativi che la struttura scolastica offre, sono evidenziate nel Piano dell’Offerta Formativa che rappresenta la carta d’identità di ciascuna scuola in quanto esplicita la progettazione curricolare, extra-curricolare, educativa ed organizzativa che ogni Istituto adotta in seno alla propria autonomia. Lo sforzo compiuto dai docenti va nella direzione di dare all’Istituto coordinate culturali, formative, pedagogiche e didattiche condivise, all’interno di una organizzazione scolastica che, comunque, prevede flessibilità e scelte funzionali a garantire l’identità di ciascun ordine di scuola. Il venire incontro alle esigenze delle famiglie, la sensibilità e l’attenzione dei docenti verso modalità operative e innovative, coerenti con le linee emergenti dal vigente ordinamento scolastico, sono poli entro cui è maturato il progetto del servizio formativo che l’Istituto Comprensivo intende fornire nel corrente anno scolastico.
Scritto sabato 13 Ottobre 2012